Cause comuni di problemi di deglutizione

La deglutizione è uno degli atti più complessi che gli esseri umani fanno quotidianamente. È anche un’abilità che viene spesso considerata per scontata, cioè fino a quando non si verifica un problema. I problemi di deglutizione sono indicati come disfagia. I diversi tipi di disfagia sono orofaringe, o problemi che si verificano in bocca o nella gola, e esofagei, problemi che si verificano nell’esofago o nell’alimento. Le cause della disfagia sono molte.

Fasi di deglutizione

Ci sono diversi stadi coinvolti nella deglutizione. La fase preparatoria orale prevede la masticazione di alimenti o il liquido in preparazione per la deglutizione. Qualsiasi alimento non completamente masticato o liquido che si versa sopra la lingua prematuramente può causare soffocamento o tosse. La fase orale prevede lo spostamento del cibo o del liquido avendo la lingua spingere materiale dalla parte anteriore della bocca alla parte posteriore della gola. Una volta che il materiale raggiunge la gola, viene attivata una rondine faringea riflessiva. La laringe o la scatola vocale sorgono, corsi di materiale intorno alla via aerea e nell’esofago. Una volta che il materiale è nell’esofago, lo spinge attraverso lo stomaco, lo stadio esofageo.

Cause di problemi di deglutizione

Le cause comuni per la disfagia includono malattie neurologiche come la sclerosi multipla, la malattia di Parkinson o la malattia di Alzheimer, i danni neurologici causati da lesioni cerebrali o lesinali del midollo spinale o alcuni tratti, alcuni tumori, alcuni trattamenti del cancro e l’età. L’efficacia della deglutizione diminuisce con l’età. Problemi di deglutizione nei bambini non sono così comuni, ma si verificano. Alcune delle cause della disfagia infantile includono la paralisi cerebrale – un disturbo neurologico – la prematurità, o il palato delle palpebre. La deglutizione richiede movimenti ben coordinati e altamente coordinati da una fase all’altra. Ci vogliono circa 50 paia di muscoli e nervi da ingoiare, secondo MayoClinic.com. Qualsiasi debolezza muscolare o un danno a un nervo può interrompere il processo. Possibili problemi di fase orale comprendono difficoltà a masticare, difficoltà a controllare materiale in bocca, spostarlo alla gola o mantenerlo in bocca a causa della chiusura insufficiente del labbro. I problemi nella fase faringea possono comprendere l’aspirazione, avendo materiale entra nella trachea o nel ventre, difficoltà a spingere il materiale nell’esofago e nel residuo faringe – materiale residuo nella gola dopo la rondine. Alcuni problemi esofagei coinvolgono il materiale che si blocca nell’esofago o nel reflusso, che si verifica quando le perdite di materiale si ritirano dall’esofago dopo la rondine o dopo il consumo.

Pericoli della disfagia

La disfagia può essere pericolosa per la vita. Se il materiale entra nella via aerea, può diventare occluso o intasato, causando soffocamento e eventuale morte. La polmonite di aspirazione, causata dal materiale che entra nei polmoni e la successiva infezione, può creare importanti problemi di salute. La disfagia può compromettere la capacità di una persona di assumere un’adeguata nutrizione e idratazione, con conseguente malnutrizione e disidratazione.

Test di disfagia

Due dei test per la disfagia sono lo studio a raggi X di bario, durante il quale una persona inghiotta un materiale di contrasto chiamato bario che viene utilizzato per visualizzare tutte le fasi della rondine e l’endoscopia, che prevede l’inserimento di un tubo flessibile illuminato attraverso il naso Per visualizzare le fasi orofaringe e / o esofagee di deglutizione.

Trattamento per la disfagia

Il trattamento della disfagia varia con il tipo di problema. I patologi linguistici possono fornire esercizi specifici per il rafforzamento muscolare o strategie per contribuire a compensare una specifica carenza nella rondine. Le diete della disfagia variano la consistenza e la consistenza degli alimenti e dei liquidi per i soggetti con alterazione della deglutizione. Se una persona non è in grado di inghiottire in modo sicuro ed efficace, può essere considerato un mezzo di alimentazione non orale, ad esempio un tubo di alimentazione.